Don Bosco - Movie Reviews - Rotten Tomatoes

Don Bosco Reviews

Page 1 of 1
½ December 27, 2010
Sorry, mechanical translation.

Speaking of Don Bosco is not easy. This priest, simple and versatile at the same time, deserves a detailed study. I leave to the reader, the desire to learn, I will limit myself to only a handwritten introduction, which is designed to intrigue the viewer and at the same time enable him to seize the best work of Lodovico Gasparini. In this introduction follows a brief synopsis. The phrase I launch titled "A practical dreamer." Yes, Don Bosco has done a lot of dreams, warning and truthful, all. I report three, which I think is significant for my purpose, but before doing so I ask you, if it suits you to do research on this aspect of the life of the saint, interesting as much for the believer to the unbeliever. In fact the unbeliever, if true student of dreams, is plenty of material to draw upon for his studies.


"Not with blows ..."

At the tender age of 9 years Don Bosco has his first dream. In it, Jesus and the Virgin foretold, though in a veiled form, its future mission. He seemed to be near his house, amid a crowd of boys who enjoyed a great courtyard. Some laughed, others were playing, not just swearing. On hearing the blasphemies, rushed among them, using fists and words to silence them. There appeared a venerable man, nobly dressed, with a face so bright that John was unable to look intently. She called him by name and ordered him to head of the boys, adding:
- Not with blows, but with meekness and charity you will need to make these your friends. He then suffered their statement on the ugliness of sin and the preciousness of virtue.
John was so bewildered, replied that he is a poor ignorant boy, unable to do this.
At that moment, laughter, shouting and cursing and ra ceased dren gathered around the speaker. But we give the floor to Don Bosco himself: "Almost without knowing what to say, I asked:
- Who are you that I commanded the impossible?
- Just because it is something that seems impossible, you can make it with obedience and with the purchase of science.
- Where, how science will buy?
- I will give the teacher. Under his leadership, you will become wise, without it all wisdom becomes folly.
- Who are you to talk like that?
- I am the son of Mary, who taught thee to say goodbye to your mother three times a day.
- My mother tells me not to join, without your permission, those who do not know. So tell me your name.
- My name ask it to my mother.
At that moment I saw him next to a woman of majestic appearance, dressed in a robe that shone on all sides, as if every step was a bright Morning Star. Seeing more and more confused, I nodded to approach her, took me kindly by the hand and said:
- Look.
I looked and I realized that those boys were all gone. In their place was a crowd of kids, dogs, cats, bears and many other animals.
- Here is your playground - replied that Mrs. -, here's where you have to work. Make yourself humble, strong and robust, and you will now see what happens to these animals you will have to do for my children.
Then I turned my gaze and behold, instead of wild animals, many appeared meek lambs who hopped, run in vain, bleating like to celebrate the man and the Lady.
Then, still in the dream, I cried and begged the Lord who speaks so you can understand. She put her hand on my head, saying:
- At the time, we all understand.
At this point, a noise woke me up and I was stunned. I thought I had my hands that I hurt it I had given to his fists and my face was burning to the blows received '

author: St. John Bosco


New interventions from

The dream of 9 years was renewed for the space of about 18 years. The overall picture was the same, but each time was accompanied by scenes ever new accessory, which overshadowed the development of his future mission as an apostle of youth. In these interventions from above is the explanation for his imperturbable calm and security to succeed in all his enterprises.
At the age of 16 years saw him come into a stately lady who led a very numerous flocks and, approaching him and calling him by name, said:
- Well, John, all that the flock entrusted to your care.
- How am I - John objected - to take care of so many sheep and lambs so many?
- Fear not - answered the lady - I will assist you.
At the age of 19 years appeared to him again the character of the first dream, dressed in white, radiant light most splendid in the act of driving a countless crowd of kids. Turning to John, said:
- Come here, sit at the head of these children and guide them yourself.
- But I'm not able to drive many thousands of kids.
But he repeated a character's imperious command, so John asked himself at the head of the youth crowd. That same year, still a cleric, saw in a dream already a priest in surplice and stole to work in a tailor shop, but not just sew new things, but also patched clothes worn. Clear sign that he was called to educate not only young and good saints as Dominic Savio, but also on track to lead young people astray already. He had reached the age of 22 years, when a new dream, he was also referred to the scope of its future mission. He saw the valley below the farm of Sussambrino, where he spent the holidays turned into a big city, whose streets and squares of boys ran shouting crowds, beating and cursing. Ready and lively character, John came up to those guys, scolding and threatening. Views vain his threats, he began to strike him, but they reacted and peppering him with his fists. Mortified and pesto, took to flight. But here is coming to meet him a character who told him to stop and come back in those rascals. Then introduced him to a noble lady and said:
- This is my mother suggested to her.
The Lady, gazing with a look full of kindness, he said:
- If you want to earn these kids, do not have to deal with the scourge, but take it with gentleness and persuasion. At that moment, as in the first dream, he saw young people turn into sheep, which he took in order to act as pastor of the Lady.

author: St. John Bosco


Big funeral in Court

One night in late November 1854, Don Bosco dreamed of being in the courtyard surrounded by priests and clerics, a valet when he appeared at court with his red uniform, now in his presence, he shouted:
- Great news!
- What? - Asked Don Bosco.
- Proclaim: large funeral in the Court!
Don Bosco, painfully surprised, he wanted to ask him, but the valet repeating:
- Great Court at the funeral! - Disappeared.
Just woke up, immediately prepared a letter to the King Vittorio Emanuele II, in which exposed his dream. Lunch appeared among young people with a bundle of letters.
- This morning - he said - I wrote three letters to great men: the Pope, the King, the Executioner.
Coupled to hear those three names, young people burst into laughter. The name of the Executioner did not surprise them because they knew the reports of Don Bosco with the prison authorities. As the Pope knew he was a correspondence with him. What was the sharpened their curiosity to know what he had written to King Don Bosco told them the dream and concluded:
- This dream made me feel sick all night.
Five days later, the dream is renewed. Don Bosco is seated at a table with a rush when I enter the footman in red livery and shouts:
- No large funeral at Court, but large funeral in the Court!
Don Bosco wrote a second letter to the King, which told him the second dream and urged him to prevent it approved a draft law proposing the dissolution of religious orders who are not dedicated to education, preaching and care of orphans , and for repaying all of the property by the State under the pretext that "the State with those assets could provide for the poorest parishes." Proponent of the project was Urbano Rattazzi. While discussing bills to this project, Don Bosco reminded his intimate friends:
- This law would draw on the Royal House severe misfortune.
The King had read those letters to the Marquis Fassi, who went to Don Bosco and said:
- But this seems the way to put upside down the whole court? The King has been more than impressed and disturbed. Indeed, it is mounted on the rampage.
- What I wrote is true - said Don Bosco -. I am sorry to have displeased the sovereign, but it's his property and that of the Church.
In those days Vittorio Emanuele II wrote to General Alfonso Lamarmora: "My mother and my wife does not make me repeat that they die of sorrow for my sake." In fact, they were contrary to that law sectarian and unjust.
On January 5, 1855 is seriously ill, the Queen Mother Maria Teresa, and 12 the following was extinguished with a holy death. He was 54 years. The mourning was universal because it was much loved for his charity toward all the needy.
On day 16, the Royal Court had not yet returned from the funeral of the Queen Mother, when he received an urgent invitation to participate in food for the journey of Mary Queen Adelaide. It gave birth to a baby eight days earlier and had never recovered. Four days later, on the evening of 20, the Augusta blew sick just 33 years of age.
- Your dreams have come true - said to Don Bosco youth returning from the second funeral.
- It's true - said Don Bosco - and we do not know if this latter is closed the series of funeral mourning at Court.
And really the night of 10 to 'February 11, after twenty days of serious illness, died Prince Ferdinand of Savoy, Duke of Genoa, brother of the king, himself only 33 years.
The King was so upset by those painfully avveratesi prophecies that one day he said: "I have no more than a moment's peace! Don Bosco will not let me live! "It commissioned a report to the personality of the Court of Don Bosco his words.

author: St. John Bosco

Brief synopsis:

John Bosco \ Brock Everitt Elwick /, at the age of two years has already lost his father. It grows, and with him, lifts the love of learning, together with a prodigious memory and an infinite passion for games of all kinds. His brother Antonio, who prefer two extra hands in the fields and in less than a few books at home; circumvents the wishes of John. E 'in the mother Margherita \ Lina Sastri /, that Don Bosco is always a careful and serious ally. There is a constant in the life of a boy and named "Providence." Indeed, it is providential meeting with Don Calo \ Sam Beazley /, an elderly priest who is willing to welcome him home to study it. "If God is our Father, no one is an orphan on this earth." E 'Don Calo generator of this maxim. The decision to enter the seminary, couple with the death of the same old priest, his brother Antonio nothing can, must surrender. Don Bosco became a priest \ Flavio Insinna / begin a PhD in Turin, Piedmont city streets are teeming with large classrooms and students who are conspicuous by their deep knowledge of the criminal laws. If these guys the way is the branch of their lives, the prison is its headquarters. The purpose of Don Bosco, his dream is to reverse this situation, these young people swing on the gallows they need someone to bring them back to life. He needs a place to house them, here is the idea of the oratorio. The love that is light has a dark enemy, hatred. Don Bosco in the city is not well liked. The Marchese Clementi \ Charles Dance / Vicar is the bearer of the King of this unhealthy feeling that everything infects and destroys. Don Bosco and his project are being targeted. The most infamous allegations fall on the young priest. The beneficial friendship of the Marchioness Barolo \ Alessandra Martines /, was razed to the ground. Start a dark period in the life of Giuanin.
The dreams have a price, talvota high. "Community Valdocco" there is a price to pay to see it born?

Good Ciak!

VERSIONE ITALIANA

Parlare di don Bosco non è cosa facile. Questo prete, semplice e poliedrico nello stesso tempo, merita uno studio particolareggiato. Lascio al lettore, la voglia di approfondire, io mi limito soltanto ad una introduzione autografa,che ha lo scopo di incuriosire lo spettatore e nello stesso tempo consentirgli di impossessarsi al meglio del lavoro di Lodovico Gasparini. A questa introduzione segue una breve sinossi. La frase di lancio l'ho titolata "Un concreto sognatore". Ebbene sì; don Bosco di sogni ne ha fatti tantissimi, premonitori e veritieri, tutti. Ne riporto tre, che reputo significativi per il mio scopo, ma prima di farlo vi invito, se la cosa vi aggrada a far ricerca su tale aspetto della vita del Santo; aspetto interessante tanto per il credente quanto per l'incredulo. Anzi l'incredulo, se vero studioso dei sogni, trova abbondante materiale da cui attingere per i suoi studi.

«Non con le percosse...»

Alla tenera età di 9 anni Don Bosco ha il suo primo sogno. In esso Gesù e la Vergine gli preannunziano, sebbene in forma velata, la sua futura missione. Gli parve di essere vicino a casa sua, in mezzo a una moltitudine di ragazzi che si divertivano in un grande cortile. Alcuni ridevano, altri giocavano, non pochi bestemmiavano. Al sentire le bestemmie, si slanciò in mezzo a loro, usando pugni e parole per farli tacere. Ed ecco apparirgli un Uomo venerando, nobilmente vestito, con una faccia così luminosa che Giovannino non riusciva a rimirarla. Lo chiamò per nome e gli ordinò di mettersi a capo di quei ragazzi aggiungendo:
- Non con le percosse, ma con la mansuetudine e la carità dovrai guadagnare questi tuoi amici. Fa dunque loro subito un'istruzione sulla bruttezza del peccato e sulla preziosità della virtù.
Giovannino, tutto confuso, risponde che è un povero ragazzo ignorante, incapace di fare questo.
In quel momento risa, schiamazzi e bestemmie cessarono e i ra gazzi si raccolsero intorno a colui che parlava. Ma cediamo la parola a Don Bosco stesso: «Quasi senza sapere che cosa dicessi, gli domandai:
- Chi siete voi che mi comandate cose impossibili?
- Appunto perché è cosa che ti sembra impossibile, devi renderla possibile con l'ubbidienza e con l'acquisto della scienza.
- Dove, come acquisterò la scienza?
- Io ti darò la Maestra. Sotto la sua guida potrai divenire sapiente; senza di essa ogni sapienza diventa stoltezza.
- Ma chi siete voi che parlate così?
- Io sono il figlio di Colei che tua Madre t'insegnò a salutare tre volte al giorno.
- Mia madre mi dice di non associarmi, senza suo permesso, con chi non conosco. Perciò ditemi il vostro nome.
- Il mio nome domandalo a mia Madre.
In quel momento vidi accanto a lui una Donna di aspetto maestoso, vestita di un manto che splendeva da tutte le parti, come se ogni punto fosse una fulgidissima stella. Vedendomi sempre più confuso, mi accennò di avvicinarmi a lei, mi prese con bontà per mano e mi disse:
- Guarda.
Guardai e mi accorsi che quei ragazzi erano tutti scomparsi. Al loro posto c'era una moltitudine di capretti, cani, gatti, orsi e parecchi altri animali.
- Ecco il tuo campo - ripigliò quella Signora -, ecco dove devi lavorare. Renditi umile, forte e robusto, e ciò che ora vedrai succedere di questi animali tu dovrai farlo per i miei figli.
Volsi allora lo sguardo ed ecco che al posto di animali feroci, comparvero altrettanti agnelli mansueti, che saltellavano, corre vano, belavano come per far festa a quell'Uomo e a quella Signora.
Allora, sempre nel sogno, mi misi a piangere e pregai quella Signora che parlasse in modo da poter capire. Ella mi pose la mano sul capo dicendomi:
- A suo tempo, tutto comprenderai.
A questo punto un rumore mi svegliò e io rimasi sbalordito. Mi sembrava di aver le mani che mi facessero male per i pugni che avevo dato e che la faccia mi bruciasse per gli schiaffi ricevuti»

autore: san Giovanni Bosco

Nuovi interventi dall'alto
Il sogno dei 9 anni si rinnovò per lo spazio di circa 18 anni. Il quadro generale era lo stesso, ma ogni volta era accompagnato da scene accessorie sempre nuove, che adombravano lo svolgersi della sua futura missione di apostolo dei giovani. In questi interventi dall'alto si trova la spiegazione della sua calma imperturbabile e della sicurezza di riuscire in ogni sua impresa.
All'età di 16 anni vide venire a sé una maestosa Signora che conduceva un numerosissimo gregge e che, avvicinandosi a lui e chiamandolo per nome, gli disse:
- Ecco, Giovannino, tutto questo gregge lo affido alle tue cure.
- Come farò - obiettò Giovanni - ad aver cura di tante pecore e di tanti agnelli?
- Non temere - rispose la Signora -, io ti assisterò.
All'età di 19 anni gli apparve di nuovo il personaggio del primo sogno, vestito di bianco, raggiante di luce splendidissima, in atto di guidare una turba innumerevole di ragazzi. Rivoltosi a Giovanni, gli disse:
- Vieni qua, mettiti alla testa di questi ragazzi e guidali tu stesso.
- Ma io non sono capace di guidare tante migliaia di ragazzi.
Ma il personaggio gli ripeté un comando imperioso, sicché Giovanni si pose a capo di quella turba giovanile. Nello stesso anno, ancora chierico, si vide in sogno già prete in cotta e stola a lavorare in una sartoria; però non cuciva solo cose nuove, ma rappezzava anche abiti logori. Chiaro simbolo che era chiamato a educare non solo giovani buoni e santi come Domenico Savio, ma anche a condurre sulla buona strada giovani già traviati. Aveva raggiunto l'età di 22 anni, quando in un nuovo sogno gli fu indicato anche il campo della sua futura missione. Vide la valle sottostante alla cascina del Sussambrino, dove trascorreva le vacanze, convertirsi in una grande città, nelle cui strade e piazze correvano turbe di ragazzi schiamazzando, giocando e bestemmiando. Di carattere pronto e vivace, Giovanni si avvicinò a quei ragazzi, sgridandoli e minacciandoli. Viste vane le sue minacce, prese a percuoterli; ma quelli reagirono e lo tempestarono di pugni. Mortificato e pesto, si diede alla fuga. Ma ecco venirgli incontro un personaggio che gli intimò di fermarsi e di ritornare tra quei monelli. Quindi lo presentò a una nobilissima Signora e disse:
- Questa è mia madre: consigliati con lei.
La Signora, fissandolo con uno sguardo pieno di bontà, gli disse:
- Se vuoi guadagnarti questi monelli, non devi affrontarli con le percosse, ma prenderli con la dolcezza e la persuasione. In quel momento, come nel primo sogno, vide i giovani trasformarsi in agnelli, ai quali egli prese a fare da pastore per ordine di quella Signora.

autore: san Giovanni Bosco

Grandi funerali a Corte
Una notte, verso la fine del novembre 1854, Don Bosco sognò di trovarsi nel cortile circondato da preti e da chierici, quando comparve un valletto di corte con la sua rossa uniforme che, giunto alla sua presenza, gridò:
- Grande notizia!
- Quale? - chiese Don Bosco.
- Annunzia: gran funerale a Corte!
Don Bosco, dolorosamente sorpreso, voleva chiedergli spiegazioni, ma il valletto ripetendo:
- Gran funerale a Corte! - scomparve.
Appena destatosi, preparò subito una lettera per il Re Vittorio Emanuele II, nella quale gli esponeva il sogno fatto. A pranzo comparve tra i giovani con un fascio di lettere.
- Stamane - disse - ho scritto tre lettere a grandi personaggi: al Papa, al Re, al boia.
Al sentire accoppiati questi tre nomi, i giovani scoppiarono in una risata. Il nome del boia non fece loro meraviglia perché conoscevano le relazioni di Don Bosco con le autorità carcerarie. In quanto al Papa, sapevano che era con lui in relazione epistolare. Ciò che aguzzava la loro curiosità era il sapere che cosa avesse scritto al Re. Don Bosco raccontò loro il sogno e concluse:
- Questo sogno mi ha fatto star male tutta la notte.
Cinque giorni dopo, il sogno si rinnovò. Don Bosco è seduto a tavolino quando entra con impeto il valletto in rossa livrea e grida:
- Non gran funerale a Corte, ma grandi funerali a Corte!
Don Bosco scrisse al Re una seconda lettera, nella quale gli raccontava il secondo sogno e lo invitava a impedire che fosse approvato un progetto legge che proponeva lo scioglimento degli Ordini religiosi che non si dedicavano all'istruzione, alla predicazione o all'assistenza degli orfani, e l'incameramento di tutti i beni da parte dello Stato, con il pretesto che « con quei beni lo Stato avrebbe potuto provvedere alle parrocchie più povere». Proponente del progetto era Urbano Rattazzi. Mentre si discuteva questo progetto legge alle Camere, Don Bosco ripeteva ai suoi intimi:
- Questa legge attirerà su Casa Reale gravi disgrazie.
Il Re aveva fatto leggere quelle lettere al Marchese Fassati, che si recò da Don Bosco e gli disse:
- Ma le pare questa la maniera di mettere sossopra tutta la Corte? Il Re ne è rimasto più che impressionato e turbato. Anzi è montato sulle furie.
- Ciò che ho scritto è verità - rispose Don Bosco -. Mi rincresce di aver disgustato il Sovrano, ma si tratta del suo bene e di quello della Chiesa.
In quei giorni Vittorio Emanuele II scriveva al generale Alfonso Lamarmora: «Mia madre e mia moglie non fanno che ripeter mi che esse muoiono di dispiacere per causa mia». Esse infatti erano contrarie a quella legge settaria e ingiusta.
Il 5 gennaio 1855 si ammalava gravemente la Regina Madre Maria Teresa, e il 12 seguente si spegneva con una morte santa. Aveva 54 anni. Il lutto fu universale perché era molto amata per la sua carità verso tutti i bisognosi.
Il giorno 16 la Corte reale non era ancor tornata dai funerali della Regina Madre, quando ricevette l'urgente invito a partecipare al viatico della Regina Maria Adelaide. Essa aveva dato alla luce un bambino otto giorni prima e non si era più ripresa. Quattro giorni dopo, la sera del 20, l'augusta inferma spirava a soli 33 anni di età.
- I suoi sogni si sono avverati - dissero a Don Bosco i giovani al ritorno dal secondo funerale.
- E vero - rispose Don Bosco - e non sappiamo se con questo secondo funerale sia chiusa la serie dei lutti a Corte.
E realmente nella notte dal 10 all' 11 febbraio, dopo venti giorni di grave malattia, moriva il principe Ferdinando di Savoia, Duca di Genova, fratello del re, anch'egli a soli 33 anni.
Il Sovrano fu talmente turbato da quelle profezie dolorosamente avveratesi, che un giorno esclamò: «Io non ho più un istante di pace! Don Bosco non mi lascia vivere!» E incaricò una personalità di Corte di riferire a Don Bosco queste sue parole.
autore: san Giovanni Bosco

Breve sinossi:

Giovanni Bosco \Brock Everitt Elwick/, all'età di due anni è già orfano di padre. Cresce, e con lui, lievita l'amore per lo studio, accompagnato da una memoria prodigiosa ed una infinita passione per i giochi, di tutti i tipi. Il fratello Antonio che preferisce due braccia in più nei campi e qualche libro in meno in casa; osteggia i desideri di Giovannino. E' nella madre Margherita \Lina Sastri/, che don Bosco trova sempre una attenta e seria alleata. C'è una costante nella vita del ragazzo ed ha un nome "Provvidenza". Infatti, è provvidenziale l'incontro con don Calosso \Sam Beazley/, un anziano sacerdote che si rende disponibile ad accoglierlo in casa per farlo studiare. "Se Dio è nostro Padre, nessuno è orfano su questa terra". E' don Calosso il generatore di questa massima. La decisione di entrare in seminario, matura con la morte dello stesso vecchio prete; il fratello Antonio nulla può, deve arrendersi. Diventato prete don Bosco \Flavio Insinna/ inizia a Torino il dottorato di ricerca; le strade della città piemontese sono aule ampie e pullulano di alunni che brillano per la profonda conoscenza delle leggi penali. Se per questi ragazzi la strada è la succursale della loro vita, il carcere ne è la sede principale. Lo scopo di don Bosco, il suo sogno, è quello di ribaltare tale situazione; questi giovani pendagli da forca hanno bisogno di qualcuno che li riporti in Vita. Ha bisogno di un luogo per accoglierli, ecco l'idea dell'oratorio. L'amore che è luce ha un nemico oscuro, l'odio. In città don Bosco non è ben voluto. Il Marchese Clementi \Charles Dance/, Vicario del Re è portatore malsano di questo sentimento che tutto contagia e distrugge. Don Bosco ed il suo progetto sono nel mirino. Le accuse più infamanti ricadono sul giovane prete. La benefica amicizia della marchesa di Barolo \Alessandra Martines/, viene rasa al suolo. Inizia un periodo buio nella vita di Giuanin.
I sogni hanno un prezzo, talvota altissimo. "Comunità Valdocco"; c'è un prezzo da pagare per vederla nascere?

Good Ciak!
June 9, 2009
Wonderful! A beautiful story of a hard-working and diligent saint, compassionate and patient, gentle and kind. He was the one who actually cared about homeless boys and he was the one who tried to understand them, a true saint.
January 27, 2009
Golly, golly, gumdrops! I cant wait to see this! Awesomeness! Looks fantastic!
December 21, 2008
I Love this Movie!!!!!!!11
June 11, 2008
Hasta ahora, es lejos la mejor vida de santo que he visto. Realmente EXCELENTE. Nada de melosa, como otras. Se las recomiendo ampliamente.
Page 1 of 1